Quando i pidocchi fanno resistenza !

Perchè usare un trattamento  atossico anti pidocchi che non sviluppi resistenza ?

All’inizio del nuovo anno scolastico quest’anno, le madri potrebbero dover affrontare un nuovo nemico. Pidocchi empre più resistenti ai trattamenti. Con queste piccole bestie difficili da rimuovere, un nuovo tipo di pericolo incombe sulle nostre care teste.

Pidocchi resistenti
“Nonostante diverse applicazioni, le lendini non scompaiono. E anche quando pensiamo di essercene liberati, il bambino torna a scuola e può essere infettato di nuovo! Questo inferno è durato più di due mesi durante i quali il le lenzuola vengono cambiate ogni giorno. Alla fine, li ho presi io! ” dichiara Valérie, madre del piccolo Martin.

Più angosciante del peso della cartella o del menu della mensa scolastica, c’è un’ansia ricorrente condivisa da insegnanti e madri di famiglie: come evitare che le nostre care teste  siano coperte di pidocchi che sono sempre più resistenti alle cure?

Super pidocchi sotto la mira  dei ricercatori
Qualche anno fa, l’efficacia dei prodotti anti-pidocchi sembrava essere indiscutibile, tanto che era difficile distinguere quale fosse il migliore.  Ma a metà degli anni ’90, in Francia furono segnalati casi di resistenza, poi in Israele, negli Stati Uniti e in Inghilterra. Tanto che oggi non esiste un’analisi comparativa affidabile dei vari prodotti disponibili sul mercato.

Il trattamento più comune i USA, la permetrina (insetticida non tossico per i mammiferi e da una pianta, il piretro) non è più un prodotto miracoloso e lotta per superare questi parassiti. Dopo i batteri resistenti agli antibiotici, ora compaiono i “super pidocchi” … “Per far fronte ai prodotti insetticidi, i pidocchi si evolvono cambiando il loro patrimonio genetico”, afferma Pr. Chosidow, professore di terapia e dermatologia all’Hospital de la Pitié Salpetrière (Parigi).

La resistenza a questo prodotto raggiunge il 50% nelle scuole di Los Angeles. Un altro prodotto anti-pidocchi, il malathion vede anche minate le sue proprietà insetticide. In alcune parti del Regno Unito, esperimenti in vitro con permetrina e malation hanno mostrato livelli di resistenza fino all’87% e al 64% 2. Nel febbraio 2002, non vi sono più dubbi: l’efficacia della maggior parte i prodotti sono in calo e la resistenza dei pidocchi è descritta come “cronica”

Di fronte a tali scenari, sbarazzarsi di questi ospiti indesiderati diventa un vero mal di testa per le madri, ma anche per i ricercatori!

Dovremmo individuare i focolai di resistenza?
In Francia, gli specialisti avevano affrontato il problema durante l’ultimo congresso mondiale di dermatologia. “Un team francese di Pitié Salpetrière aveva dimostrato il fenomeno nel 1994 e pubblicato in un articolo su Lancet 4. Da allora, è probabile che questa resistenza non abbia smesso di diffondersi e aumentare. Uno studio condotto in La Gran Bretagna mostra che ora ci sono pidocchi resistenti ai due prodotti di riferimento che sono derivati ​​di piretro e malathion “specifica Pr. Chosidow.

Di fronte all’emergere di queste resistenze, gli specialisti americani stanno prendendo in considerazione la combinazione di antibiotici (sulfametossazolo-trimetoprim) i cui rischi insorti (principali effetti collaterali) sono troppo grandi rispetto ai benefici previsti.

Sebbene le raccomandazioni di questi esperti non siano ancora state completate, è già noto che consiglieranno ai farmacisti di non somministrare lo stesso prodotto due volte alla stessa persona. “Se c’è resistenza al primo trattamento, questo deve essere modificato. Queste disposizioni sono già menzionate nelle raccomandazioni del 1993 del comitato di igiene e sanità pubblica” specifica il dottor Geneviève Richard, direttore medico della sanità scolastica di azione sociale dell’infanzia e della salute.

Afssaps raccomanda già che le pubblicità dei prodotti contro i pidocchi menzionino: “Se i segni dell’infestazione persistono, si consiglia di utilizzare un prodotto contro i pidocchi di un’altra classe”.

Sapendo che la resistenza varia da una popolazione di pidocchi a un’altra, la scelta del trattamento deve dipendere da “sacche di resistenza locali”, come indica Ciara Dodd in un editoriale del British Journal of Medicine 5. In questo caso il caso, alcuni stanno già sviluppando piani di battaglia 6. Il nuovo t

Le nuove tecniche dovrebbero consentire di analizzare e raccogliere casi di resistenza a livello nazionale in modo che le autorità possano specificare il trattamento più adeguato per una determinata area geografica. Quando voleranno le brigate anti-pidocchi?

Un cuoio capelluto artificiale fa camminare i pidocchi sulla testa
Per trovare nuovi composti in grado di superare questi superlice, i ricercatori stanno lottando per avviare prove su grandi colonie. Questi piccoli insetti con le gambe uncinate si aggrappano ai nostri capelli o peli e si nutrono del nostro sangue. Infine, sviluppano resistenza a lungo termine solo dopo essere stati esposti al composto. Questi vincoli hanno reso difficile la loro conservazione in laboratorio.

Ma dopo aver strappato a lungo i capelli per questo problema, i ricercatori dell’Università del Massachusetts hanno sviluppato un ambiente in cui i pidocchi possono “pascolare” con calma.

In effetti, sono riusciti a ingannare questo insetto nel credere che stesse camminando sulla sua testa. Il dispositivo: una membrana e un sistema di circolazione sanguigna su cui sono posizionati piccoli “tepee” di capelli. I pidocchi si sistemano lì e scendono per nutrirsi senza prestare attenzione al sotterfugio.

“Il modello animale è attualmente basato sui pidocchi del corpo del coniglio. Ma una volta testato l’insetticida, i pidocchi vengono gettati via, non hanno il tempo di sviluppare resistenza. Pertanto, lo sviluppo di un vicino alla realtà c’è una buona notizia “afferma il professor Chosidow. Questi cuoio capelluto artificiale dovrebbero consentire di testare nuove armi anti-pidocchi più rapidamente.

Possiamo agire preventivamente?
La contaminazione da pidocchi (pediculosi) non è legata alla mancanza di igiene personale o pulizia in generale. Per evitare il contagio, fare attenzione a rilevare precocemente l’infestazione. I bambini in asili nido, scuole, campi estivi devono essere sottoposti a regolare vigilanza.

Per evitare di essere sopraffatti, in caso di contaminazione:

Segnala rapidamente il problema per evitare la diffusione;
I parenti devono essere controllati e trattati se necessario;
Pettini e spazzole devono essere lavati in acqua molto calda (60 ° C);
I vestiti devono essere lavati, senza dimenticare berretti, cappelli, sciarpe, ecc. Attenzione ai caschi da moto, assolutamente disinfettare;
Inoltre, non dimenticare i colletti e le cappe della giacca a vento;
Biancheria da letto e cuscini devono essere trattati.

www.ipidocchi.it

 

 

 

 

Condividi questo post